Select Page

Clan | Ventrue

[Scorri in fondo alla pagina per Antitribù]

Discipline: Dominate/Dominazione, Presence/Ascendente, Fortitude/Robustezza

Tradizionalisti e di vecchio stile, i Ventrue sono sofisticati e signorili. Credono più di ogni altra cosa nel buon gusto e si danno un gran da fare per rendersi la vita il più confortevole possibile. Sostanzialmente sorreggono la struttura della Camarilla insieme ai Toreador e ai Tremere. I Ventrue sono il Clan che controllava l’antica Roma e che ha dato i più validi elementi nella saga delle Crociate. Altra caratteristica fondamentale di questi cainiti è il loro rapporto con i mortali e con le istituzioni di questi ultimi: moltissime sono le strutture economiche controllate direttamente dai Ventrue o dai loro ghoul. A causa della relativa facilità con cui riescono a infiltrarsi, i Ventrue spesso hanno il monopolio sul controllo politico e istituzionale del luogo in cui risiedono. I membri del Clan sono strettamente legati tra di loro e anche due Ventrue nemici tra di loro non esitano ad aiutarsi a vicenda in situazioni di pericolo comune. Nobili e fieri sono questi cainiti che in genere assumono cariche di rilievo all’interno della Camarilla, nel bene o nel male

Riferimento italiano: VENTRUE

Soprannome: Sangue Blu

Aspetto: I Ventrue non cambiano volentieri le proprie abitudini e comunque amano vestire in maniera elegante e distinta. Non si deve dimenticare mai che questi cainiti si considerano il clan più nobile

Rifugio: I Ventrue amano vivere in grandi ville o in spaziosi attici che sottolineino la loro ricchezza e il loro potere. Talvolta, se possibile, continuano a vivere nella casa che avevano prima dell’abbraccio

Punti Deboli: I sofisticati gusti dei Ventrue sono rispecchiati anche dal difetto del loro Clan; questi vampiri infatti possono bere sangue soltanto di una ben determinata categoria di soggetti. Bere sangue al di fuori della categoria scelta, semplicemente non fa guadagnare loro Punti Sangue.

Conseguimento del prestigio: Ovviamente i Ventrue danno grande rilievo nel loro gruppo a quegli individui che meglio riescono a gestire il potere, sia vampirico che mortale. Nonostante le discipline di cui possono disporre, sarà considerato un ottimo Ventrue quel soggetto che riuscirà a gestire le società umane senza dover utilizzare i propri poteri. Un Ventrue, come sostiene il Clan stesso, è Ventrue prima dell’abbraccio

L’unico modo di sconfiggere un nemico è quello di sopravvivergli. Dal momento che siamo esseri ragionevoli e al di sopra di questioni meschine come la vendetta, siamo leader della nostra razza. La Camarilla si poggia solo sulle nostre spalle!

Riferimento: Vampire the Masquerade 20th Anniversary Edition, Vampiri la Masquerade, Libro dei Clan: Ventrue
VENTRUE ANTITRIBU’

Discipline del Clan: Auspex, Dominazione, Robustezza.

Durante la sua fondazione il Sabbat attirò a sé quei pochi ribelli esistenti del clan Ventrue. Essi, non apprezzando il fatto che i giovani vampiri del loro Clan fossero trattati come carne da macello, andarono in cerca degli Anarchici per chiedere protezione. I primi tempi nel Sabbat furono piuttosto duri per questi vampiri: il fatto che gli anziani Ventrue guidassero la Camarilla non rese la vita facile per i ribelli appena arrivati, disprezzati dalla quasi totalità della Setta. Inoltre i Ventrue non potevano neanche opporsi a questo disprezzo: tornare indietro dai loro Anziani era una garanzia di morte definitiva. Combatterono contro la Camarilla per un lungo periodo, guadagnando sul campo di battaglia la stima degli altri Fratelli. Il più grosso cambiamento arrivò però per i Ventrue della Setta con la Convenzione di Thorns. Quando i leader dei Brujah firmarono il trattato di pace molti degli anarchici li seguirono. Solamente quei pochi Ventrue decisero di rimanere fedeli al loro principio di anarchia. La scelta fu però forzata: i crimini da loro commessi non sarebbero mai stati dimenticati dagli anziani Ventrue della Camarilla. Rimanere con il Sabbat era ormai l’unica possibilità di sopravvivere. I Ventrue Anticlan provarono allora a prendere il comando che serviva ad organizzare e governare la Setta appena fondata, ma il loro esiguo numero li costrinse a sottomettersi alla volontà dei Lasombra. Accettando a malincuore la sovranità dei Lasombra, i Ventrue cambiarono il proprio nome in Ventrue Anticlan e convinsero l’intero Sabbat a spostarsi verso Nord, in Scandinavia, una zona più sicura per riorganizzarsi. Qualcuno considerò questo spostamento come una forma di codardia, ma probabilmente è stata la mossa che ha salvato il Sabbat dalla distruzione. Da allora i Ventrue Anticlan non hanno più guadagnato rispetto dal Sabbat, nonostante la loro fedeltà sia innegabile. Questi stessi cainiti inoltre non fanno niente per migliorare la propria situazione: temono probabilmente una diminuzione della libertà di cui adesso godono. Una maggiore considerazione da parte degli altri costerebbe infatti una diminuzione di indipendenza e, soprattutto, la completa sottomissione ai Diavoli ed agli odiati Lasombra. I Ventrue Anticlan tentano in ogni modo di differenziarsi dagli altri vampiri, specialmente dai loro cugini della Camarilla. Anche se sono molto indipendenti tentano in tutti i modi di mostrare continuamente la loro fedeltà alla Setta. Sono poi praticamente convinti che l’unità dell’Anticlan sia indispensabile per mantenere l’unità del Sabbat: in linea di massima il gruppo a cui di più assomigliano sono i Brujah Anticlan con i quali, peraltro, spesso collaborano. I Ventrue Anticlan credono che i membri del loro gruppo abbiano il dovere di sfruttare al massimo le proprie potenzialità, sia come individui, che come membri del Clan: ecco perché i Ventrue del Sabbat sono i più galanti e istruiti vampiri della Setta, dopo i Lasombra. Non hanno lo stesso modo di approdare alla conoscenza degli Tzimisce, ma certamente contano più sulle loro capacità mentali che sulla forza bruta. Non bisogna poi trascurare il fatto che i Ventrue del Sabbat hanno accumulato, grazie ai loro poteri, enormi ricchezze, usate sia per scopi individuali che per il bene della Setta. Oggi i Ventrue del Sabbat cercano di progettare la loro totale indipendenza. Dichiarano di non avere nessuna intenzione di governare gli altri e soprattutto dichiarano di non seguire nessuno; accettano la leadership dei Lasombra, ma non sono affatto d’accordo riguardo ai loro metodi. Questo inoltre li ha portati sulla strada sbagliata: furono loro infatti a fomentare la guerra civile di 100 anni fa. Attualmente i Ventrue Anticlan sono dietro al nuovo movimento di Fedeltà al Sabbat che preoccupa non poco i Capi della Setta. Questi cainiti conservano ancora oggi il controllo che hanno sui grandi colossi finanziari dei mortali, usando però tale mezzo solo per arricchire le proprie riserve monetarie.

Soprannome
: Nerds

Aspetto: la maggior parte dei Ventrue del Sabbat ama seguire la moda del momento: indossano sempre abiti eleganti che li distinguano e li differenzino dallo stile degli altri ribelli. Nessuno di loro, infatti, vestirebbe nella maniera esotica dei Brujah Anticlan.

Rifugio: molti Ventrue sono membri di circoli interni al Sabbat e preferiscono vivere (a pagamento) nei rifugi comuni dei loro branchi. Questi rifugi in genere sono la parte più graziosa e curata dei Templi. I Ventrue del Sabbat che vivono in branchi nomadi invece cercano di seguire il proprio gruppo nei suoi spostamenti.

Background: i Ventrue Anticlan non sono troppo pignoli riguardo alla scelta di quei mortali che saranno le nuove reclute del Sabbat. Verrà accettata qualsiasi persona, purché essa mostri di essere intelligente e indipendente. Generalmente scelgono persone non molto famose, fatto, questo, che sicuramente lascia turbati gli Anziani Ventrue della Camarilla, o almeno così essi credono.

Creazione del Personaggio: sebbene possa sembrare strano i Ventrue del Sabbat facevano sempre, nella vita mortale, lavori molto strani; vengono spesso reclutati fannulloni, disoccupati o addirittura dei punk. Gli Attributi Mentali sono sempre primari, così come le Capacità. Possono avere qualsiasi Natura, ma generalmente il Carattere rispecchia una personalità indipendente. Background comuni sono Risorse, Contatti e Gregge.

Punti deboli: hanno le stesse debolezze di tutti i Ventrue: il loro gusto per il sangue è sempre molto raffinato, e porterà questi cainiti a nutrirsi di un solo tipo di sangue. In caso di particolari circostanze berranno però sangue da chiunque altro.

Sentieri Preferiti: la maggior parte dei Ventue Anticlan segue il Sentiero dell’Accordo Onorabile, sebbene una piccola minoranza segue il Sentiero dei Catari.

Organizzazione: i Ventue Anticlan aspettano per riunirsi circa ogni 10 anni in quello che loro chiamano Sagrestia. Durante queste riunioni i vampiri che vi partecipano commentano i movimenti che avvengono nel Sabbat, e organizzano tattiche per accrescere potere e prestigio del proprio Anticlan, inoltre durante queste riunioni spesso sono progettati piani specifici per il gruppo, che hanno lo scopo di migliorare la situazione di tutta la Setta. La Sagrestia è una cerimonia molto formale, e tutti i Ventrue del Sabbat che vi partecipano amano presentarsi con abiti di stile conservatore. Alcuni membri dell’Anticlan amano incontrarsi più spesso, specialmente riguardo alla stessa Vaulderie, per decidere delle operazioni che possono incrementare le loro ricchezze.

Conseguimento del Prestigio: Raggiungere prestigio all’interno dei Ventue del Sabbat non è un compito arduo. Chiunque compia operazioni per arricchire l’Anticlan o sé stesso è ben visto dagli altri Fratelli. Rispettano inoltre tutti quegli individui che dimostrano uno spirito libero e indipendente. Forse però la cosa più considerata da tutti è di riuscire a far saltare i piani dei Lasombra senza farsi scoprire, cercando, anzi, di mostrare allo stesso tempo la massima fedeltà ai vampiri attualmente dominanti. Questo tipo di operazione in genere viene realizzata organizzando tattiche migliori di quelle dei Lasombra riguardo ad uno stesso argomento.

“Siamo il cuore del movimento del Sabbat. L’anarchia totale è la chiave della nostra sopravvivenza. Alcuni pensano che siamo dei pazzi visionari, ma la nostra stessa esistenza è un simbolo per comprendere il Sabbat. La nostra Fedeltà è indiscutibile!”.